La sauna ha origini antiche, infatti questo tipo di trattamento nasce quasi mille anni fa in Finlandia. Adesso risulta essere una delle pratiche più apprezzate e diffuse nel mondo. Oltre alla classica sauna finlandese esistono altre due varianti, ovvero il bagno turco e la bio-sauna che risultano essere anch’esse portatori di svariati benefici.

Con il passare degli anni si è attestato come questo genere di tecnica portasse a diversi benefici, non soltanto estetici ma anche all’interno di tutto il corpo. Infatti la sauna, oltre a dare quella piacevolissima sensazione di estremo relax, dona elasticità e lucentezza a tutta la pelle del corpo.

Risulta essere un vero e proprio toccasana per chi si sottopone a questo tipo di trattamento di benessere: la persona interessata entra in una stanza appositamente chiusa e verrà sottoposta ad un elevato aumento della temperatura.

Classica finlandese o bagno turco? Con quale frequenza dovrò fare la sauna? E per quanto tempo?

Chi sfrutta i vari vantaggi della sauna, ovviamente, si è posto o si pone qualche domanda, ad esempio:

  • quali sono i benefici che si possono ottenere da questo tipo di trattamento
  • quale sia la funzione principale che svolge questa tecnica di benessere nell’eliminare la cellulite e nel dimagrimento
  • quale sia il procedimento più corretto da fare pre, durante e post sauna
  • per quanto tempo e quante volte bisogna sottoporsi al trattamento
  • infine, quali siano le controindicazioni, sempre ammesso che ci siano.

Nel video qui sotto, troverai risposta a tutte le tue domande:

Differenze tra sauna classica e bagno turco

Chi decide di farsi una sauna potrà scegliere fra quella classica, ovvero la sauna finlandese, o l’hammam, quest’ultimo meglio conosciuto col nome di bagno turco.

Il bagno turco è una sauna ‘umida’, perché utilizza il vapore emanato da appositi bocchettoni.
Il trattamento, che in questo caso avviene in una stanza di marmo, tocca temperature decisamente inferiori rispetto alla classica sauna finlandese, per via dell’elevata percentuale di umidità prodotta.

Grazie a quest’ultima tecnica sarà possibile sottoporsi ad un trattamento particolare e più recente, con temperature che si aggirano attorno ai 50 fino ai 60 gradi e una percentuale di umidità del 50% circa.

La sauna finlandese, invece, è un tipo di sauna ‘secca’, perché questa tecnica utilizza il calore prodotto da una stufa elettrica sulla quale vengono messe delle pietre laviche. La temperatura emanata dal riscaldamento di queste pietre varia da 80 a 100°C, mentre la percentuale di umidità prodotta si aggira fra il 10 e il 20%, mai oltre. Il trattamento della classica sauna finlandese avviene in una stanza fatta interamente di legno, in cui si trovano delle panche a diverse altezze. La disposizione delle panche in diverse altezze è fatta appositamente al fine di poter scegliere l’intensità di calore sulla pelle.

I benefici più importanti

Sono davvero tanti i benefici che si possono ottenere dalla sauna, anche se tutto ciò è a conoscenza di poche persone:

Infatti, anche se spesso viene considerata solo come metodo rilassante e in grado di apportare vantaggi esclusivamente a livello estetico, spesso le persone si dimenticano tutti gli altri benefici, alcuni esempi possono essere:

  • l’eliminazione delle tossine presenti nel proprio organismo
  • il rilassamento dei muscoli, attraverso lo smaltimento dell’acido lattico
  • combatte lo stress
  • migliora la circolazione sanguigna (e quindi perdere peso ed eliminare la pelle a buccia d’arancia)
  • aiuta molto chi soffre di insonnia
  • pulisce profondamente tutta la superficie del corpo da impurità e cellule morte
  • fortifica il sistema immunitario
  • regola la temperatura corporea
  • contribuisce anche a migliorare la respirazione, grazie alla dilatazione delle vie respiratorie (dovuta a sua volta al calore e all’umidità)
  • infine, elimina i radicali liberi, che sono la principale causa dell’invecchiamento

Nonostante gli innumerevoli benefici, in realtà chi opta per questo trattamento è più interessato a due benefici in particolare: dimagrire e/o agire sulla cellulite.

Tra i suoi vantaggi, mi può aiutare anche a dimagrire? Ma come funziona?

Fra i principali benefici apportati dal trattamento della sauna, si possono trovare quelli riguardanti il dimagrimento e l’eliminazione della cellulite.
Numerose persone, infatti, hanno avuto dei risultati davvero soddisfacenti.
Il processo del corpo umano che attiva il dimagrimento, però, non accade per l’alta temperatura e quindi la sudorazione.

L’eliminazione della cellulite, insieme alla perdita di peso, avvengono principalmente grazie al miglioramento della circolazione sanguigna.
Infatti, grazie alla vasodilatazione, si ha un miglioramento della circolazione sanguigna che associata ad una migliore respirazione e quindi ossigenazione di sangue nei tessuti, garantisce una riduzione dell’attività infiammatoria, derivante appunto dalla cellulite.

L’altro vantaggio importante, altro elemento di spicco per la scelta di questo trattamento, è l’effetto dimagrante che è stato notato. La diminuzione della massa grassa corporea, durante la sauna, avviene solo grazie all’aumento del ritmo cardiaco. Infatti, grazie alla maggiore velocità dei battiti del cuore, il corpo riesce a bruciare intorno alle 300 calorie in una sola seduta.

Per tale ragione non bisogna pensare a strane invenzioni riguardanti la sauna: è tutto molto semplice, in quanto all’aumentare della temperatura, aumenterà il battito cardiaco, e di conseguenza aumenteranno le calorie utilizzate nei vari distretti del corpo.

Fascia dimagrante Slim Sauna

Sauna, come farla? Il miglior procedimento per degli effetti veramente benefici!

Per ottenere davvero gli effetti tanto desiderati è necessario seguire un semplice procedimento composto da pochi steps.

La scelta dell’abbigliamento, a differenza delle saune in Finlandia, in cui tutti dovrebbero entrare completamente nudi, avviene in Italia in maniera differente.
Infatti, si entra nella stanza di legno coperti da un asciugamano di cotone. Un po’ come si vede fare nei film.

sauna e benefici

Prima di entrare, e iniziare così il trattamento, è necessario farsi una doccia calda e asciugarsi per bene ogni parte del corpo.
In questo modo, oltre ad essere più igienico, si avrà un corpo più pulito fin dall’inizio, in modo da eliminare soltanto eventuali cellule morte più superficiali. Inoltre eviterà il diffondersi di odori sgradevoli ed è consigliato munirsi di due asciugamani, uno andrà sulla panca mentre l’altro servirà per il sudore.

Per chi, come i Finlandesi, volesse ‘preparare la pelle’ dilatandone i pori, basterà utilizzare una sorta di ‘frusta’ fatta con dei ramoscelli di betulla essiccata.

Al termine del trattamento andrebbe fatta una doccia fredda, da non effettuare in maniera diretta, ma procedendo gradualmente. La prima parte del corpo che si dovrà bagnare, saranno gli arti (quindi gambe e braccia), per poi proseguire con il torace, e terminare con la testa.

È sconsigliato invece accedere alle saune con un abbigliamento intimo in fibra sintetica, perché le temperature alte potrebbero irritare molto e portare sgradevoli benefici sulla pelle. Non andrebbero indossati neanche orecchini, bracciali, collane, anelli etc. Anche le lenti a contatto andrebbero tolte, perché potrebbero seccare l’occhio, a causa delle elevate temperature, e provocare fastidio e dolore.

Di conseguenza è meglio andare in maniera più ‘naturale’ all’interno della sauna, in modo da evitare fastidi di ogni genere derivanti da abbigliamento e accessori di tutti i giorni.

Raccomandata dai medici più affermati

Sono molti i medici che consigliano il trattamento della sauna, considerata una vera e propria terapia che aiuta principalmente il cuore, ma anche il resto del corpo.

benefici-sauna-e-bagno-turco

Il motivo è molto semplice: con la riduzione del peso complessivo, derivante principalmente dalla massa grassa e con la vasodilatazione e migliore ossigenazione del corpo, i vantaggi garantiti dalla sauna sono veramente elevati. Il tutto, con una richiesta veramente breve per quanto riguarda il tempo impiegato (e lo stesso vale per la spesa effettuata: molto bassa).

La sauna è senz’altro una delle tecniche di benessere più antiche presenti nella storia. Anche se molti optano per questo tipo di trattamento solo per ottenere dei benefici soddisfacenti inerenti all’estetica (più precisamente per dimagrire ed eliminare la cellulite), risulta essere un vero ‘portatore’ di molteplici benefici.

Vantaggi non soltanto visibili ad occhio nudo, migliorando l’aspetto della persona ma anche all’interno del corpo, apportando degli effetti positivi a tutto l’organismo. Pertanto, una sauna effettuata saltuariamente può essere un ottimo metodo non solo per migliorare lo stato di salute generale, ma anche per farsi una meritata vacanza.

Qual è il tempo necessario e quante volte bisogna sottoporsi al trattamento della sauna?

Il tempo che bisognerebbe trascorrere dentro la sauna per ottenere dei risultati soddisfacenti, in media, varia dai dieci ai quindici minuti, ma basterebbero anche 8 minuti. Questa durata massima per questo genere di trattamento, però è consigliata solo se si è nelle condizioni di rimanere così a lungo. Infatti i tempi trascorsi dentro la sauna cambiano da persona a persona. La permanenza dentro la sauna è molto soggettiva, così come anche il giorno e l’orario lo sono. Solitamente chi vuole sottoporsi alla tecnica ‘delle stanze chiuse’ preferisce farlo nei propri giorni liberi o nei weekend, soprattutto in prossimità dell’estate.

Invece, per quanto riguarda il numero di sedute di sauna necessarie per ottenere i benefici sperati, c’è da dire che varia innanzitutto da persona a persona, ma solitamente bastano tre o quattro sedute per perdere qualche chilo ed eliminare la cellulite in questione.

Ovviamente per ottenere tutto ciò sarà necessario adeguare anche una corretta alimentazione ed una discreta attività fisica: non si può sperare di dimagrire con le saune se poi subito dopo si va a mangiare il doppio di quanto si mangiava prima. Purtroppo è tutto un equilibrio che va rispettato, e come tale, la sauna è una semplice aggiunta per perdere peso.

I (non) benefici della sauna: le controindicazioni e gli effetti collaterali

Come per ogni tipo di trattamento a cui viene sottoposto il corpo, vi sono delle controindicazioni al riguardo. In questo caso la sauna è assolutamente sconsigliata a chi soffre di pressione bassa, a chi ha problemi respiratori, soffre di claustrofobia, epilessia e per chi ha recentemente subito interventi neurochirugichi.

Infatti a causa dell’elevata temperatura raggiunta nella sauna, quella stanza risulta inadatta a tutti coloro che soffrono di pressione bassa e hanno problemi respiratori, perché potrebbe causare perdita di conoscenza e svenimento.

Essendo un luogo totalmente chiuso, risulta essere inadatto per chi ha paura degli spazi chiusi. Inoltre è sconsigliato portare bambini di età inferiore ai cinque anni, perché non risulta ancora del tutto sviluppato il sistema linfatico.

3 Condivisioni

Lascia un commento